Il coraggio in un corto

Nuova sfida per la scrittrice pomiglianese Maria Rosaria Ricci: far diventare cortometraggio la sua autobiografia, racconto della sua vita con la tetraparesi spastica



«Ho trasformato le mie difficoltà motorie in un trampolino di lancio verso la normalità».

Con queste parole pronunciate con la grinta che da sempre la contraddistingue, la scrittrice di Pomigliano d’Arco, Maria Rosaria Ricci, accompagna – nel video di presentazione – il lancio della sua nuova sfida: tradurre in cortometraggio il suo libro Abilmente. Il coraggio di non arrendersi – uscito nel 2018 per le edizioni Il Laboratorio – nel quale ha raccontato la sua vita con la tetraparesi spastica, dalla quale è affetta fin dalla nascita a causa di un parto difficile. Maria Rosaria oggi ha 41 anni e ha imparato ad accettare la sua disabilità nella convinzione che anche la sua vita può essere generatrice di bellezza, che la sua «vita diversa – come sottolinea ancora nel video – sia uguale a quella che è considerata normale».

Ha lottato e lotta Maria Rosaria, per sé e per chi come lei ha abilità diverse che meritano attenzione e non indifferenza. La sua tenacia l’ha portata a conquiste impensabili come andare a cavallo, sciare e perfino guidare. Il cortometraggio – che durerà 25 minuti e sarà prodotto dalla Locomotion Films Ltd – ripercorrerà la sua vita, raccontandone le emozioni, le paure, le sconfitte e le vittorie e proverà a smuovere le coscienze, impegno prioritario per Maria Rosaria che è anche consigliera dell’Unitalsi (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Italiani) di Napoli: «L’obiettivo principale del cortometraggio – si legge infatti nella presentazione che motiva, insieme e alla presentazione video di Maria Rosaria, la promozione della raccolta fondi per la realizzazione – è quello di cambiare la cultura del pregiudizio e della superficialità e di far capire che un disabile è in grado di integrarsi nella società». Ma portando la sua vita sullo schermo, Maria Rosaria vuole anche promuovere l’ippoterapia, di cui è portavoce proprio attraverso l’Unitalsi, perché l’ha aiutata ad aumentare l’autostima.

Sceneggiatura e regia sono affidate ad Alessio Pasqua, che ha collaborato con molti registi prestigiosi, quali Paolo Sorrentino, Dario Argento, Michele Maria Rosaria Ricci Placido e ha diretto vari cortometraggi e vinto molti premi in festival nazionali ed internazionali, tra cui il Genova Film Festival e il Prato Film Festival 2019. Nel cast ci saranno Loredana Cannata – tra i suoi lavori ricordiamo Napoli velata e la serie tv di Rai1 Un caso di coscienza – e Peppino Mazzota, conosciuto per aver interpretato l’ispettore Fazio nella serie Il commissario Montalbano. La sceneggiatura prevede anche un cameo con Maria Rosaria.

L’obiettivo della raccolta fondi – www.produzionidalbasso.com/project/abilmente–il–coraggio–di–non– arrendersi/ – è raggiungere 20.000 euro: per realizzare il cortometraggio ma soprattutto per sostenere, con la sua realizzazione, la testimonianza di vita di Maria Rosaria, una vita in grado di generare grande bellezza.

 

 




Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
design komunica.it | cms korallo.it