Con Cristo al Padre nello Spirito Santo

L'invito del vescovo Marino all'adorazione del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo in occasione della Solennità del 14 giugno. Il Pontificale alle 19 in Cattedrale. Non ci sarà la consueta processione

News

Domenica 14 giugno, alle ore 19, presso la Basilica Cattedrale di Nola, il vescovo Marino presiederà la Santa Messa per la Solennità del Corpus Domini.  

Non ci sarà la consueta processione per le strade cittadine ma, scrive il vescovo nel Messaggio che apre il Sussidio preparato dall'Ufficio liturgico diocesano per le parrocchie, per la preghiera di adorazione al termine della Celebrazione eucaristica, «questo non ci impedisce di pregare “in comune” con un percorso spirituale sulla Parola di Dio e la fede eucaristica che tutti ci unisce in unum Corpus. Prolungando la celebrazione eucaristica nell’adorazione,  nel dialogo con Gesù, gusteremo la preghiera che ci fa interiorizzare il Mistero celebrato e, soprattutto, saremo aiutati a portare nella nostra vita l’Amore sacrificale di cui ci siamo nutriti con la Comunione, ad amare come il Signore e ad essere forti nell’esistenza quotidiana». 

Scarica l'opuscolo dell'Ufficio Liturgico diocesano

Il Pontificale sarà trasmesso in diretta su Videonola, Canale 88 del Digitale Terrestre.

Domani, presso la Cattedrale, inizieranno le Quarantore di adorazione del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo secondo il seguente calendario





Il messaggio del vescovo Marino


Fratelli e sorelle in Cristo, nella solennità del Corpus Domini, vi invito a sostare in preghiera con laiuto di questo sussidio preparato dallUfficio Liturgico Diocesano.

Le limitazioni che a causa della pandemia ci sono imposte per ragioni di sicurezza ci impediscono di fare la solenne processione del Santissimo Sacramento per le strade delle nostre comunità. Questo però non ci impedisce di pregare in comunecon un percorso spirituale sulla Paro- la di Dio e la fede eucaristica che tutti ci unisce in unum Corpus.

Ecco un sussidio di preghiere per il nostro sostare in adorazione davanti al Sacra- mento del Corpo del Signore, lEucaristia. Per imparare a dire: Grazie”, e per osare dire: Ti amo”; un aiuto per rinnovare lofferta della nostra vitacome ci insegna a fare la Chiesa ogni volta che celebriamo lEucaristia. Uno strumento utile a ricordar-ci che «trattenendosi presso Cristo Signore, i fedeli godono della sua intima familiarità e dinanzi a lui aprono il loro cuore per se stessi e per tutti i loro cari e pregano per la pace e la salvezza del mondo. Offrendo tutta la loro vita con Cristo al Padre nello Spirito Santo, attingono da questo mirabile scambio un aumento di fede, di speranza e di carità» (S. Paolo VI, Eucharisticum mysterium, n. 50).

Prolungando la celebrazione eucaristica nelladorazione, nel dialogo con Gesù, gusteremo la preghiera che ci fa interiorizzare il Mistero celebrato e, soprattutto, saremo aiutati a portare nella nostra vita lAmore sacrificale di cui ci siamo nutriti con la Comunione, ad amare come il Signore e ad essere forti nellesistenza quotidiana.



← Torna all'archivio




Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
design komunica.it | cms korallo.it