Il primo maggio sia la festa della Carità

L'editoriale del vescovo Marino per l'ultimo numero del mensile diocesano inDialogo

News

In occasione del primo maggio, festa di San Giuseppe lavoratore, patrono dei lavoratori, pubblichiamo l'editoriale scritto dal vescovo Francesco per il numero di aprile di inDialogo.

Il testo:

Il prossimo lunedì ricorrerà la festa di san Giuseppe lavoratore e allo stesso tempo inizierà il mese dedicato alla Vergine Maria. Mi piace soffermarmi su questa coincidenza di ricorrenze, apparentemente indipendenti, prive di qualsiasi legame.  Non credo sia infatti così. Come ricorda papa Paolo VIal n.27 della Populorum progressio il lavoro : non è forse questo che Giuseppe e Maria hanno trasmesso a Gesù? E non è forse questo che il Signore ci ha testimoniato invitandoci a fare qualunque cosa (Col 3 ,17)?

I tempi che viviamo sono segnati dalla precarietà lavorativa e dalla crescente povertà: in una umanità progredita e che annuncia nel prossimo futuro cambiamenti ancora più forti legati allo sviluppo delle nuove tecnologie, l’ingiustizia la fa da padrona e i deboli continuano ad essere sempre più schiavi. Non sembra che Giuseppe e Maria possano ancora avere qualcosa da dire. Non credo sia così. Le poche ma fondamentali scelte da loro operate e riportate dai Vangeli sono segnate dalla carità. Rivestiti di carità hanno ‘scardinato’ le regole sociali del proprio tempo portando avanti una gravidanza difficile da spiegare, hanno messo i propri talenti a servizio l’uno dell’altro anche in una terra straniera, hanno aperto le porte della propria famiglia al mondo. In un tempo storico segnato da altri disordini e altre crisi, Giuseppe e Maria hanno scelto la carità per cambiare il mondo: un umile falegname e un’umile casalinga hanno lavorato perché Dio potesse chinarsi per lavare i piedi agli uomini. La festa del prossimo primo maggio dovrebbe essere quindi una festa  della carità, un momento di sosta, di riflessione e preghiera perché coloro che hanno (PP 32) pongano in atto riforme serie ed audaci; perché quanti hanno un lavoro si adoperino per quanti ne sono privi, mettendo parte della propria esperienza e dei propri talenti per suggerire nuove strade da percorrere ma anche per vigilare sul rispetto dei diritti; perché chi oltre ad essere lavoratore è anche datore di lavoro faccia della propria impresa una alla pari, pur nella diversità delle funzioni e dei ruoli (cfr. PP 28). Sia il primo maggio una possibilità per ricordare che il (PP 27).

← Torna all'archivio




Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
design komunica.it | cms korallo.it.