Cammino Neocatecumenale

Responsabili diocesani 

Biagio Maglione (b.maglione@libero.it)

Alessandro Svelto (asvelto@alice.it)



Il Cammino Neocatecumenale ebbe inizio nel 1964 fra i baraccati di Palomeras Altas, a Madrid, per opera di Francisco Josè (Kiko) Gòmez-Arguello, e di Carmen Hernandez che, su domanda di quei stessi poveri con i quali vivevano, cominciarono ad annunciare loro il Vangelo. Con il passare del tempo questo kérygma si concretizzò in una sintesi catechetica fondata sul tripode “Parola di Dio-Liturgia-Comunità” e finalizzata a condurre le persone alla comunione fraterna e ad una fede matura.

Questo nuovo itinerario di Iniziazione Cristiana, nato nel solco del rinnovamento suscitato dal Concilio Ecumenico Vaticano II, incontrò il vivo interesse dell’allora arcivescovo di Madrid, S.E. mons. Casimiro Morcillo, che incoraggiò gli iniziatori del Cammino a portarlo nelle parrocchie che lo richiedessero. Esso si diffuse così gradualmente nell’arcidiocesi di Madrid ed in altre diocesi spagnole.

Nel 1968 gli iniziatori del Cammino Neocatecumenale giunsero a Roma e si stabilirono nel Borghetto Latino. Con il consenso di Sua Eminenza il Card. Angelo Dell’Acqua, all’epoca Vicario Generale di Sua Santità per la città di Roma e Distretto, si cominciò la prima catechesi nella parrocchia di Nostra Signora del Santissimo Sacramento e Santi Martiri Canadesi. A partire da quella data il Cammino si è andato via via diffondendo in diocesi di tutto il mondo.

Il Cammino Neocatecumenale è un itinerario di formazione cattolica che è al servizio del Vescovo come una delle modalità di attuazione diocesana dell’iniziazione cristiana e dell’educazione permanente della fede.

Il Cammino Neocatecumenale – vissuto in seno alle parrocchie, in piccole comunità costituite da persone di diversa età e condizione sociale – si attua secondo le linee proposte dagli iniziatori, contenute nello Statuto e nei volumi intitolati “Direttorio Catechetico del Cammino Neocatecumenale”; ha lo scopo ultimo di portare gradualmente i fedeli all’intimità con Gesù Cristo e di renderli soggetti attivi nella Chiesa e testimoni credibili della Buona Novella del Salvatore; promuove la missione “Ad gentes” non solo nei paesi di missione, ma anche in quelli di antica tradizione cristiana oggi purtroppo profondamente secolarizzati; è uno strumento per l’iniziazione cristiana degli adulti che si preparano a ricevere il Battesimo secondo le norme contenute nell’Ordo Initiationis Christianae Adultorum (Sacra Congregazione per il Culto Divino, 6 gennaio 1972).

A più riprese e in diversi modi San Giovanni Paolo II ebbe a sottolineare l’abbondanza di frutti di radicalismo evangelico e di straordinario slancio missionario che il Cammino Neocatecumenale porta nella vita dei fedeli laici, nelle famiglie, nelle comunità parrocchiali e la ricchezza di vocazioni che esso suscita al sacerdozio e alla vita religiosa, rivelandosi “itinerario di formazione cattolica, valido per la società e per i tempi odierni”

A sua volta, il Santo Padre Benedetto XVI, rivolgendosi ai membri del Cammino Neocatecumenale il 12 gennaio 2006, ha affermato: “La vostra azione apostolica intende collocarsi nel cuore della Chiesa, in totale sintonia con le sue direttive e in comunione con le Chiese particolari in cui andrete ad operare, valorizzando appieno la ricchezza dei carismi che il Signore ha suscitato attraverso gli iniziatori del Cammino”.

Attualmente il Cammino è diffuso in circa 135 nazioni. La diffusione del Cammino è stata accompagnata da molti doni dello Spirito Santo: i catechisti itineranti, le famiglie in missione, le “Missio ad Gentes”, i seminari Redemptoris Mater per formare presbiteri missionari per la Nuova Evangelizzazione. In risposta all'appello di Papa Giovanni Paolo II per la nuova evangelizzazione, molte famiglie che hanno percorso il Cammino si sono offerte per aiutare la missione della Chiesa andando a vivere nelle zone più secolarizzate e scristianizzate del mondo preparando la nascita di nuove parrocchie missionarie.

Nella Diocesi di Nola, il Cammino è presente a

  • Pomigliano d’Arco - Parrocchia San Pietro apostolo

  • Scafati – Parrocchia Santa Maria delle Grazie

  • Brusciano – Parrocchia Santa Maria delle Grazie

  • Marigliano – Parrocchia Santa Maria delle Grazie

  • Marzano di Nola – Parrocchia San Trifone




In questa sezione



Eventi

Anniversario di ordinazione sacerdotale

Di don Antonio Guarino



Ultimi Post Blog
Con lo sguardo verso Taranto

Con lo sguardo verso Taranto

Il vicario per la Carità, don Aniello Tortora, spiega l'importanza della prossima Settimana Sociale alla luce dell'Instrumentum Laboris


Responsabilità nuove, anche per chi è giovane

Responsabilità nuove, anche per chi è giovane

Dal numero di ottobre di inDialogo, l'ultimo contributo di don Umberto Guerriero per la rubrica "Glia anni belli"


I coniugi Beltrame Quattrocchi sulla tomba di san Felice presbitero

I coniugi Beltrame Quattrocchi sulla tomba di san Felice presbitero

La comunità parrocchiale di San Felice in Pincis celebra la memoria liturgica dei beati coniugi

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
design komunica.it | cms korallo.it